ex LSU-ATA: la battaglia dell'USB per una scuola pubblica libera dal precariato

Un'altra puntata di NOI Pubblico, la serie di video che raccontato le battaglie dell'USB in difesa dei servizi pubblici e contro il precariato

Roma -

Quella degli lsu – Lavoratori Socialmente Utili- è una battaglia storica. L’obiettivo era la internalizzazione dei servizi di pulizia delle scuole, appaltati a cooperative che troppo spesso sfruttavano i lavoratori e le lavoratrici, guadagnando  somme ingenti e, in cambio, pagando salari al limite del tollerabile, con contratti sempre più  precari.  Una pesante condizione che riguardava più di 12.000 lavoratrici e  lavoratori, sparsi in quasi tutte le regioni d'Italia, ma concentrati principalmente in quelle meridionali.
I loro posti di lavoro sono stati mantenuti in questa condizione di precarietà per decenni , a dimostrazione del fatto che lo Stato era consapevole della loro funzione e che, prima o poi,  sarebbe stato necessario assumerli in forma stabile.
Grazie alle loro lotte, che USB ha avuto la capacità di cogliere e organizzare, si è ribadito che, come scritto nella Costituzione, la scuola deve essere pubblica e statale e pubblico e statale deve essere tutto il personale che vi lavora, per assicurare la  qualità per gli studenti e la sicurezza per tutti i lavoratori e le lavoratrici.
La loro lunga battaglia, conclusasi con  l’assunzione da parte dello Stato, deve diventare un esempio per tutti i lavoratori che svolgono una funzione nella pubblica amministrazione,  ma vengono sottoposti a contratti precari e poco dignitosi.  
La prova lampante che solo organizzandosi e lottando per difendere diritti e la dignità,  si può migliorare la propria condizione. Ma soprattutto che solo uniti si vince
 

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati