Servizio integrato 0-6 anni: la 107 distrugge la scuola dalle fondamenta

La delega sul sistema 0-6, approvata dal governo con l'Atto 380, prevede una rete di scuole miste, pubbliche e private, con un sistema di finanziamento in base al quale gli asili e le scuole per l’infanzia privati saranno finanziati dagli enti pubblici, mentre asili e scuole dell’infanzia pubblici prevederanno rette salate a carico dei privati cittadini.

I fondi statali, attraverso i comuni, saranno indirizzati indifferentemente ad asili e scuole dell’infanzia pubblici e privati e, d'altra parte, le famiglie e gli investitori privati saranno chiamati a contribuire alle spese di gestione anche degli asili e delle scuole dell’infanzia pubblici. La delega, quindi, apre al finanziamento pubblico diretto delle scuole private anche in questo segmento di istruzione, in piena sintonia con l'impianto della 107; nei fatti, anche in questa prima fascia del ciclo di istruzione lo Stato abdica al primato che gli spetterebbe nell'organizzazione della scuola.

È di tutta evidenza che questo modello produrrà profonde differenze nella qualità del servizio su base territoriale, acuendo il divario tra le scuole di quartieri, città e aree geografiche più ricche e più povere. Un progetto che smantellerà definitivamente la già povera rete degli asili pubblici, che costringerà le famiglie ad affrontare spese comunque elevate e che ridurrà indiscriminatamente la stabilità e la qualità del posto di lavoro.

Anche questa delega asseconda il sistema di tagli della spesa pubblica e introduce anche negli asili la logica aziendalista che ha ispirato le politiche scolastiche di tutti i governi degli ultimi vent'anni.

Scioperare è necessario. Aderiamo allo sciopero e partecipiamo alla manifestazione a Roma. I lavoratori della scuola faranno sentire la loro risposta al Parlamento!

Ore 9.30 davanti al Miur viale Trastevere.
17 MARZO SCIOPERO DELLA SCUOLA!
#nobuonascuola #nessunadelega







* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni