PALERMO: Tavola Rotonda COME RICONQUISTARE LA SCUOLA PUBBLICA STATALE

Palermo -

 

“La riforma Gelmini è al suo compimento: ruolo e responsabilità dei sindacati. Come ricostruire il movimento di lotta per la riconquista della scuola pubblica statale”

 

12 Aprile 2011, ore:16.00, Salone Valdese, Via dello Spezio 43 (dietro Teatro Politeama), Palermo

Un tema difficile, per questo abbiamo invitato Cobas, Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Gilda, Orsa, Unicobas, Cip e tutti i lavoratori mobilitati a declinarlo insieme a noi.
Il futuro della scuola è tetro: 

 

  • stipendi a "punti", non più basati sull’anzianità di servizio ma sul "merito" stabilito dai dirigenti;
  • regionalizzazione che differenzia i contratti e limita l’accesso dei giovani all'istruzione;
  • caos “graduatorie ad esaurimento” usato come strumento per spaccare in due l’Italia;
  • precarizzazione del lavoro come condizione e bussola di ogni idea di scuola futura;
  • processi di privatizzazione che cancellano la democrazia e calpestano i diritti di tutti;

Come è stato possibile tutto questo? Quale ruolo hanno svolto i sindacati in difesa degli interessi dei lavoratori della scuola? Perchè non c'è stato un fronte unitario per frenare questa deriva? I sindacati servono? A chi? Quali sono i veri interessi e obiettivi dei Governi e della Confindustria sulla scuola?

 

L'istruzione non è un privilegio ma un bene comune

E’ compito dei lavoratori, degli studenti e dei genitori riprendersi lascuola pubblica statale

Unione Sindacale di Base Palermo

 

 

<object height="199" width="300"><param name="movie" value="http://www.youtube.com/v/npdVhM-dpYU?fs=1&amp;hl=it_IT&amp;rel=0" /><param name="allowFullScreen" value="true" /><param name="allowscriptaccess" value="always" /><embed src="http://www.youtube.com/v/npdVhM-dpYU?fs=1&amp;hl=it_IT&amp;rel=0" type="application/x-shockwave-flash" allowscriptaccess="always" allowfullscreen="true" height="199" width="300"></embed></object>

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni